3761 sono stati i prenottamenti nel centro di senzatetto “la tenda di viterbo”. La povertà non fa distinzioni tra italiani o stranier, posiamo tutti essere in difficoltà “La situazione è complicata, gli effetti della crisi si fanno sentire. Pesano sulla popolazione anche nel capoluogo della Tuscia. Una povertà che ha tanti volti. C’è una povertà di chi non riesce più ad avere un tetto, la povertà dei padri separati che non arrivano a fine mese nonostante un lavoro, una povertà data dall’assenza di occupazione, dalla perdita di questa anche a cinquant’anni suonati. Poi c’è una povertà subdola, quella educativa. Riguarda giovani e giovanissimi completamente allo sbando. Non studiano, non lavorano, non hanno una formazione e non la cercano. Come Caritas cerchiamo di dare risposte alle persone, di incontrarle, di stabilire un rapporto con loro”. Ci idce il coordinatore della Caritas di Viterbo Luca Zoncheddu

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here