In Piazza Grappa si è svolto parallelamente un presidio per chiedere al governo solidarietà dato che l’europa è fondata su questa regola fondamentale. “La Cgil di Varese ha aderito a questa manifestazione, che è internazionale, perchè oggi al Consiglio Europeo verranno discusse le regole europee sull’immigrazione e si chiede di modificare le regole: tutti i paesi europei devono avere una corresponsabilità in questo caso, ma nell’ottica della solidarietà e dell’integrazione, non in questa logica xenofoba che si sta diffondendo in Europa” Spiega Umberto Colombo, segretario della Cgil di Varese, mentre Natalino Bianchi, presidente di Progetto concittadino invita a “restare umani”: “Rimaniamo umani – commenta infatti – vogliamo che la solidarietà sia reale e concreta. IL regolamento di Dublino si può cambiare.”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here