Le proprietà medicinali della canapa ormai sono note a tutti, e vengono sempre più utilizzate per il trattamento di patologie croniche e/o per curare la sintomatologia legata al dolore acuto. Esse sono attribuite ai suoi componenti attivi – principalmente cannabinoidi – che possono essere estratti come resine prodotte nei tricomi ghiandolari delle infiorescenze femminili.

I due principali cannabinoidi della canapa responsabili delle sue proprietà medicinali e terapeutiche sono il tetraidrocannabinolo (THC) e il cannabidiolo (CBD). Le sue proprietà farmacologiche ed efficacia sono state ben documentate. È risultato efficace sia il suo consumo in oli e unguenti medicinali che nel classico utilizzo nelle cartine, pronta per essere fumata.

È stata esaminata la coltivazione indoor e outdoor di canapa a fini medicinali. Con la possibilità di applicare diverse tecniche di produzione e manipolazioni, la coltivazione indoor può consentire da tre a sei raccolti all’anno. Quando si coltiva la canapa all’aperto è possibile un solo raccolto all’anno. La coltivazione indoor ha un’efficienza di resa 15-30 volte superiore rispetto alla coltivazione outdoor. A causa di variabili ambientali imprevedibili, soddisfare l’omogeneità e la qualità richieste per la canapa medicinale autorizzata è molto difficile nella coltivazione all’aperto. La canapa coltivata all’aperto è altamente esposta al rischio di essere danneggiata da malattie delle piante e parassiti come acari o afidi.

Negli ultimi decenni è stato segnalato un ingente passaggio dalla coltivazione outdoor a quella indoor in tutta Europa. La principale sfida e svantaggio della coltivazione all’aperto è il fatto di non essere precondizionati per produrre prodotti di canapa omogenei. La coltivazione standardizzata della canapa sotto stretto controllo di qualità è inevitabile e può essere implementata al meglio in strutture interne.

Quando si decide di coltivare cannabis, sia per scopi medici che ricreativi, il primo punto di partenza avviene attraverso la piantagione dei semi. La maggior parte delle banche di semi ti darà la possibilità di scegliere il tipo di seme che desideri per ogni varietà. I semi di cannabis si dividono in tre categorie distinte: regolari, femminizzati e autofiorenti. Il tipo di seme che scegli alla fine dipende dalla tua esperienza di coltivazione della cannabis e da quanto bene comprendi il processo. Ogni tipo di seme ha i suoi vantaggi e svantaggi, assicurati però di acquistare prodotti certificati e di qualità, per questo ordina i semi di cannabis su zamnesia.it, per avere raccolti prolifici e di successo.

Analizziamo adesso i tre tipi di semi di cannabis per aiutarti a conoscere i pro e i contro di ciascuno.

Semi regolari

I semi regolari sono il risultato della riproduzione sessuale tra una pianta maschio (che produce polline) e una pianta femmina (portatrice di ovuli). Nella coltivazione della cannabis, questi semi sono solitamente il prodotto dell’impollinazione manuale. Un allevatore impollina manualmente una pianta femmina utilizzando il polline raccolto da una pianta maschio. I semi prodotti da queste impollinazioni manuali sono simili ai semi prodotti dalle popolazioni selvatiche di cannabis.

Vantaggi dei semi regolari

Sono relativamente poco costosi e facili da trovare. Molti coltivatori esperti suggeriscono che i principianti utilizzino semi regolari per i primi tentativi di coltivazione. I principianti hanno maggiori probabilità di commettere errori e i semi normali sono economici e facili da sostituire. I semi regolari sono anche popolari tra i coltivatori di piante i quali hanno bisogno di piante sia maschili che femminili per sperimentare l’allevamento selettivo. I più venduti sono quelli della tipologia CBD Sweet and Sour Widow, creata con i geni della famosa White Widow, contiene alti livelli di CBD ed un effetto molto piacevole. Essendo a predominanza Indica, non diventa molto alta, il che la rende perfetta sia per coltivazioni indoor che outdoor.

Svantaggi dei semi regolari

C’è una probabilità del 50% che il seme produca una pianta maschio. Può essere difficile differenziare le piante maschili dalle piante femminili fino a quando non sono piantine di almeno 3-4 settimane. Potresti ritrovarti con piante maschili in una serra piena di femmine. Le piante maschili di solito sono indesiderabili a meno che non si stia cercando di allevare nuovi ceppi o raccogliere polline per un uso futuro (“banca del polline”).

Semi femminizzati

Quando le piante di cannabis femminili sono “stressate” a volte iniziano a produrre polline. Le condizioni di stress per una pianta di cannabis femmina includono acqua inadeguata, calore intenso/luce UV, erbivori intensi o accesso insufficiente alle piante maschili. I coltivatori hanno imparato a trarre vantaggio da questo fenomeno naturale per produrre “semi femminizzati”. Se una pianta di cannabis femmina è soggetta a condizioni di stress (o vengono applicati prodotti chimici alla pianta per imitare condizioni di stress), la pianta femmina può produrre fiori che portano polline. Il polline viene raccolto da quei fiori e utilizzato per impollinare i fiori femminili della stessa pianta (autoimpollinazione). Una volta che la pianta femmina si è impollinata, è quasi garantito che produca semi che cresceranno solo per essere femmine (a causa della mancanza di cromosomi Y coinvolti nella riproduzione).

Tra le scelte preferite di marijuana femminizzata ci sono la White Widow e la Royal Haze, entrambe vincitrici di High Times Cannabis Cup.

Vantaggi dei semi femminizzati

Sebbene manchino prove empiriche affidabili, alcuni coltivatori riferiscono che> il 98% dei semi femminizzati produce piante femminili. Se il tuo obiettivo principale è produrre gemme femminili senza semi e non vuoi preoccuparti della crescita accidentale di piante maschili, questa potrebbe essere l’opzione migliore per te.

Svantaggi dei semi femminizzati

I semi femminizzati in molti casi sono più costosi dei semi normali.

Semi autofiorenti

Le varietà più popolari di Cannabis sono la Cannabis ssp. Sativa e la ssp. Indica. Tuttavia, esiste una terza sottospecie di Cannabis, C. ruderalis. La Ruderalis si è evoluta per sopravvivere e riprodursi nei climi rigidi dell’inverno outdoor, quindi la ruderalis ha sviluppato un minor fabbisogno di luce per innescare la germinazione e la fioritura dei semi. I semi che contengono i geni della specie ruderalis non richiedono un cambiamento nel ciclo della luce per germogliare o iniziare a fiorire, quindi sono descritti come “autofiorenti”.

Vantaggi dei semi autofiorenti

Questi semi producono piccole piante che fioriscono molto rapidamente, il che può essere un vantaggio se non hai molto tempo o spazio per farle crescere. La bassa statura di queste piante può anche essere un vantaggio se stai cercando di coltivare piante al di sotto di un limite di altezza legale. Inoltre non è necessario un piano di coltivazione elaborato o un sistema di illuminazione. Le piante coltivate da semi autofiorenti spesso producono fiori ad alto contenuto di CBD ma a basso contenuto di THC, rendendole una buona opzione per i consumatori di cannabis medicinale.

Svantaggi dei semi autofiorenti

Le piante prodotte da semi autofiorenti sono spesso caratterizzate da fiori con un contenuto di THC molto basso. Questi semi producono piccole piante, quindi potrebbero non essere una buona opzione se stai cercando di produrre grandi quantità di gemme.

Qualunque sia il tipo di semi che scegli, puoi comunque coltivare piante di cannabis di alta qualità. Alcuni semi richiedono più cure pratiche rispetto ad altri, ma a seconda di quanto lavoro vuoi investire nel processo, tutti i semi di cannabis che abbiamo menzionato possono darti raccolti abbondanti. Quando scegli un tipo di seme, tieni a mente cose come il tuo spazio di coltivazione, il tuo budget e quanto tempo sei disposto a investire nella coltivazione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here