skincare-acidi

La beauty routine passa anche per l’utilizzo di alcuni acidi, ideali per prendersi cura della propria pelle. La skincare ha molti validi alleati, tra cui gommage e scrub, ma la particolarità degli acidi è che garantiscono un’azione esfoliante anche senza l’aggiunta di micro particelle. Le proprietà esfolianti degli acidi sono comunque riconosciute: riescono infatti a rimuovere le cellule morte dagli strati più superficiali dell’epidermide, stimolando così il rinnovamento cellulare. Questo rinnovamento renderà la pelle più levigata e luminosa, elastica e tonica.

La maggior parte degli acidi – soprattutto quelli in basse concentrazioni – sono ideali per un trattamento serale, dopo la detersione del viso. In questo modo, gli acidi avranno tutta la notte per fare effetto, mentre al mattino potranno essere rimossi i loro residui grazie a una comune crema idratante.

Gli acidi amici della pelle: come sceglierli

Come si vedrà, esistono molti acidi capaci di garantire quel peeling chimico ideale per prendersi cura della propria pelle. Tuttavia, proprio questa varietà deve suggerire la necessità di valutare bene quale acido applicare sulla propria cute. Tutto varia infatti in base al tipo di pelle e al tipo di inestetismo cui si vuole porre rimedio.

Per quel che riguarda la pelle secca, sono infatti necessari acidi dalle proprietà più idratanti, quali l’acido ialuronico, glicolico e lattico. L’acido salicilico e quello azelaico sono, al contrario, ideali per una pelle grassa, che produce sebo in eccesso.

Una pelle sensibile, facilmente irritabile, ha bisogno di un’azione delicata come quella dell’acido mandelico. La pelle matura, d’altro canto, potrebbe trarre benefici dall’acido glicolico, retinoico, lattico e ialuronico.

Questi suggerimenti vanno completati tenendo presente quali inestetismi combattere. Nello specifico, acido glicolico, mandelico e azelaico sono ideali per le macchie cutanee. Come le macchie cutanee tendono a comparire insieme all’avanzare dell’età, così fanno le rughe: queste possono essere contenute grazie all’applicazione di acido ialuronico, lattico o piruvico.

Questi ultimi acidi sono ideali anche per quei fastidiosi pori dilatati che causano il fenomeno dell’acne. L’acne (specie quello adolescenziale), inoltre, potrebbe lasciare cicatrici. Queste – vale anche per altre forme di segni sulla pelle – possono essere levigate con l’acido piruvico, lattico e retinoico, seguendo però bene, in questo caso, il consiglio del medico dermatologo, in alcuni casi anche del ginecologo e usando prodotti con ingredienti controllati e non aggressivi come quelli di http://bodyskincosmetics.com.

I migliori acidi amici della pelle

Tra gli acidi, quello meno irritante è certamente l’acido ialuronico. Ha una perfetta azione idratante ed elasticizzante, che ben si presta alla pelle secca e contro le rughe. È tuttavia capace di garantire luminosità e tonicità anche alle pelli più grasse.

Particolarmente delicato è anche l’acido lattico. Perfetto per la sua azione esfoliante e disinfettante (contro funghi e batteri) e per le sue proprietà schiarenti. Freschezza e luminosità saranno garantite senza rischio di aggredire la pelle (ideale dunque per tutte le pelli sensibili).

Il retinolo, invece, è un acido da utilizzare in percentuali molto basse (altrimenti, la sua applicazione diventa medica e richiede una prescrizione precisa). La sua principale applicazione riguarda le pelli mature, per un trattamento elasticizzante. Il retinolo è inoltre ideale per levigare la pelle: in tal senso, è perfetto per agire sulle cicatrici lasciate dall’acne.

L’acido glicolico è invece particolarmente indicato per illuminare la pelle, riducendo di conseguenza le macchie cutanee (portate dall’età o di altra origine). Può essere applicato anche per ridurre le rughe, siano esse provocate da una continua esposizione alla luce o dall’età. Anche questo acido ha proprietà esfolianti.

Proseguendo, l’acido mandelico garantisce luminosità alla cute, abbinando alla sua azione esfoliante anche una potente azione disinfettante, ideale contro i batteri. La sua delicatezza rende questo prodotto – estratto dalle mandorle – ideale per pelli sensibili e iper reattive, che possono ritrovare tono e compattezza. In concentrazioni più basse, si rivela perfetto per creme per la cura della pelle.

Infine, l’acido adatto alle pelli più grasse e impure, caratterizzate da una forte produzione di sebo, è l’acido salicilico. In grado di eliminare i punti neri e lavorare sugli accumuli di cheratina, l’acido salicilico riduce la comparsa di brufoli e ha un notevole effetto levigante e schiarente.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here