Una dedica con il cuore

Il cantante Fabrizio Moro ha pubblicato su Twitter una sentita e commovente dedica per Stefano Cucchi, il geometra romano morto in carcere nel contesto di una vicenda torbida che ha trovato il suo epilogo e la verità dopo ben nove anni.

Dopo la canzone anche un nuovo pensiero a Cucchi

Moro aveva già espresso nei confronti di Stefano Cucchi solidarietà e un pensiero molto speciale in memoria di Stefano; un brano che parlava di lui, che raccontava la sua storia; oggi Moro ha detto in un posto pubblicato sul social: “Quando Stefano Cucchi è morto senza una spiegazione ‘chiara, eravamo pochi, pochissimi ‘don Chisciotte’ a cercare di gridare in faccia a tutti la ‘verità’, una “verità” che oggi finalmente è stata raccontata…”.“Oggi si indignano tutti per quello che è accaduto a Cucchi, oggi l’Italia si è svegliata…Ci ha messo 9 anni ma si è svegliata e i mulini a vento per una volta sono caduti. Come sempre…meglio tardi che mai. Grazie Ilaria Cucchi” 

La canzone per Stefano

Nel 2011 Moro presentò il brano  “Fermi con le mani”, la canzone era dedicata proprio al geometra romano morto nel 2009, finalmente l’11 ottobre 2018 è arrivata la confessione di un carabiniere, l’agente Francesco Tedesco che ha ammesso il pestaggio feroce che ha portato Cucchi alla morte.

Qui di seguito il testo integrale della canzone di Moro

Fermi con le mani
Mi sveglio un mattino,
Mi sveglio un mattino,
e sento che è morto un cittadino italiano,
ammazzato da altri italiani,
col tempo si negherà tutto ma questa è la storia,
questa è la storia, questa è la storia, questa è la storia.
Stefano ha lasciato la gente
a guardarsi stupita, a cercar di capire.
Un’entità giudicante ha cucito le bocche,
eseguito la sentenza e l’ha fatto morire.
E’ toccato ad ognuno di noi
ma qualcuno l’ha presa di striscio
e un uomo è morto da solo
in una stanza che puzza di piscio.
Massacrato da Tor Sapienza
a seguire fino a quando è arrivato all’udienza.
Tor Sapienza è un quartiere dove crescono i fiori
le luci, le spine, la polvere, i colori.
E girano gli uomini, girano, girano.
Girano e fanno i danni.
E’ normale, la vita è così,
per migliorarsi ci vogliono gli anni.
Ma si spezza la marcia al progresso
se lo Stato ha la testa nel cesso.
Vedi, vedi, vedi
io voglio vedere dietro le pareti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Vedi, vedi, vedi
che la verità muore nei segreti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Dimenticare, dimenticare.
Non riesco proprio a dimenticare.
Stefano non era un santo
e qualche cosa di sé la voleva cambiare.
Qualche precedente per spaccio di droga
e una vita in parte da recuperare.
Ma una sera è stato fermato, trattenuto,
perquisito per un controllo.
Gli hanno trovato un po’ di fumo
e qualche sostanza che brucia il cervello.
E allora un tale ha detto:
“Vieni con noi, vieni, vieni ragazzo,
e non rispondere, fai il bravo dai,
sennò a casa ci torni col cazzo”.
Vedi, vedi, vedi
io voglio vedere dietro le pareti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Vedi, vedi, vedi
che la verità muore nei segreti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Fermi con le mani, fermi con i piedi.
Fermi con le mani, fermi con i piedi.
Fermi con le mani.Vedi, vedi, vedi
io voglio vedere dietro le pareti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.
Vedi, vedi, vedi
che la verità muore nei segreti.
Vedi, vedi, vedi, vedi, vedi, vedi
fermi con le mani, fermi con i piedi.La coscienza non dimentica, La coscienza non dimentica
La coscienza non dimentica, La coscienza non dimentica.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here