All’ospedale di Napoli una ennesima situazione di mala sanità, una donna extracomunitaria intubata tra le formiche all’ospedale San Giovanni Bosco.

L’intervento immediato del governatore della Campania, Vincenzo De Luca

Dopo l’orribile scena che i pazienti, ricoverati all’ospedale San Giovanni Bosco, hanno ripreso con la telecamera dei alcuni cellulari, il governatore della Campania Vincenzo De Luca, immediatamente ha fatto visita ha fatto visita all’ammalata, ma dopo il dottore De Luca, ha voluto vedere i dirigenti insieme al personale della struttura ospedaliera.

«Quello che è certo è il mancato e doveroso controllo della paziente; si procederà come sempre con il massimo rigore, oltre alla sospensione, già decisa, del personale in servizio. Il direttore sanitario in giornata denuncerà all’autorità giudiziaria quanto è accaduto perché possano essere individuati eventuali comportamenti dolosi».

La donna mangiata dalle formiche non si poteva difendere

La povera donna extracomunitaria, oggi è stata trasferita in un’altra stanza, dopo che ciò che è accaduto.

La poverina, come potete vedere dal video è stata veramente assalita dalle formiche. Una situazione veramente assurda, gli ospedali dovrebbero essere il luogo più sterile ed adeguato per curare tutti i pazienti, gli ospedali dovrebbero garantire massima igiene e pulizia, ma purtroppo non è così.

La testimonianza della figlia Kamani Dissanayake

Kamani Dissanayake, figlia della 71enne ricoverata ed intubata all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli, ha detto queste parole;

«Sono scioccata. Ho lasciato mamma in serata ed era tutto ok, tutto pulito. Non capisco come sia potuto accadere. Comunque, non denuncerò nessuno anche perché tutti sono stati disponibili dal primo giorno. È importante, ora, consentire a mamma di tornare nello Sri Lanka. Spero si riescano a trovare i fondi per il viaggio e per le spese per un medico».

Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli

L’ Ospedale San Giovanni Bosco di Napoli dove operano professionisti, dove troviamo ottimi medici come nel reparto Neurochirurgia e nella Chirurgia generale, oggi è diventato il simbolo del degrado di Napoli.

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here