Il presidente della Nissan Carlos Ghosn è stato arrestato per illeciti finanziamenti, avrebbe violato la legge sull’evasione del fisco. L’ edificio automobilistico giapponese lo ha già espulso.

L’amministratore delegato della Nissan, Hiroto Saikawar afferma queste parole

Una condotta che deriva da una situazione in cui troppo potere è stato concentrato nelle mani di una sola persona per lungo tempo, e che richiederà un processo penale“. Queste sono state le parole dell’amministratore delegato della Nissan, Hiroto Saikawa, comunicando all’arresto del top manager Carlos Ghosn, con l’accusa di trasgressione alla legge finanziaria.

L’ex presidente della Nissan-Renault-Mistubishi Motor, Carlos Ghosn

L’ex presidente della Nissan-Renault-Mistubishi Motor, Carlos Ghosn, in queste ore è stato arrestato con l’accusa di non avere rispettato i regolamenti finanziari attinenti al suo compenso. Carlos Ghosn 64enne avrebbe dato dati falsi sul proprio corrispettivo e sui bilanci aziendali.

Il presidente di Nissan Motor, Carlos Ghosn è stato arrestato per reati finanziari, non avendo dichiarato alcuni guadagni personali, e violando così la legge sull’evasione fiscale. Lo rileva il quotidiano giapponese Asahi, citando fonti investigative.

Ghosn è stato eletto presidente della Nissan nel 2000

Carlos Ghosn è fra i maggiori responsabili del programma fatto con l’unione francese Renault, tutto questo ha consentito alla casa dell’auto giapponese il rientro di una florida attività redditività, dopo un lungo peggioramento, tramite un radicale svolgimento di ristrutturazione ed un piano di riforme valutato impetuoso per gli standard aziendali giapponesi.

Con i consigli preziosi del signor Ghosn, la ditta giapponese delle automobili, è riuscita nel trovare accordi più equi con i costruttori di acciaio, attivando una competizione sempre più serrata fra i fabbricanti di auto per la provvista delle materie prime.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here