10 ottobre 2010 - 11:38

Bimba di 2 anni violentata: in carcere Stefano Ferrando, 21 anni, studente di pedagogia. Si cercano altre vittime

La cittadina di Carcare

GENOVA / Sono sotto choc i genitori di Stefano Ferrando, il ragazzo di 21 anni, studente universitario di pedagogia, arrestato per aver molestato sessualmente la sorella della sua ragazza.“Non riusciamo ancora a capacitarci di quello che è accaduto. Nostro figlio è un ragazzo d’oro. Per noi è stato un choc inimmaginabile”.
Maria Teresa Abrate, assessore ai servizi sociali in Comune a Vado e Floriano Ferrando, informatico, genitori di Stefano, non sono riusciti a incontrare il figlio, arrestato venerdì sera per pedofilia e chiuso in isolamento nel carcere di Marassi a Genova.
Il giovane, che studia all’università, stava curando la bambina, quando la madre ha visto il ragazzo toccare la piccola mentre le stava cambiando il pannolone. La madre della piccola ha detto ai carabinieri che già da qualche giorno aveva notato arrossamenti e irritazioni nelle parti intime della piccola. Solo grazie all’intervento dei carabinieri di Cairo ha salvato il giovane da un linciaggio ad opera dei genitori stessi della piccola.
Stefano Ferrando avrebbe abusato della bambina di 2 anni, sorella della fidanzata a Carcare, in Valbormida, almeno 10 volte in un mese. Si attente ora l’interrogatorio di convalida dell’arresto previsto per domani o al più tardi per martedì prossimo.
Si cerca ora nel passato dello studente di Vado Ligure che avrebbe accudito altri bambini come baby sitter, per pagarsi gli studi universitari, per escludere che altri bambini siano stati molestati. Stefano Ferrando, al momento, ha confessato di aver avuto un atteggiamento perverso solo nei confronti della sorellina della sua fidanzata.
Il ragazzo, interrogato, aveva infatti confessato di avere una “certa propensione sessuale” per la bambina.